Dieta a Zona – Ricette e Menu Settimanale

Ricette e Menu Settimanale per la tua dieta
dieta zona menu settimanale

Sentiamo spesso parlare di dieta a zona, ma realmente conosciamo che cosa è e come si inizia?

Per capire meglio è bene iniziare dal suo inventore, il biochimico statunitense Barry Sears: il professionista afferma che equilibrando i tre macro nutrienti del nostro corpo, ovvero carboidrati, proteine e grassi, il tuo corpo raggiunge il suo stato massimo e la riduzione del grasso corporeo è evidentissima.

Ci sono delle regole che devi rispettare per la dieta a zona: il rapporto ad ogni pasto è di 40% carboidrati, 30% grassi e 30% proteine, calcolando anche il totale delle calorie. Infatti ognuno di noi ha bisogno di un quantitativo di calorie, determinabile in base alle attività svolte.

Tra ogni pasto non devono passare più di cinque ore e i pasti principali sono tre, con due spuntini. La base è dunque quella di ogni dieta, ma bisogna cercare di ridurre i grassi rispetto alla dieta mediterranea. Ma quali sono i piatti da mangiare?

Ecco dunque un esempio di dieta a zona ricette e di menu settimanale.

dieta-a-zona-ricette

Dieta a zona ricette: Quali sono i piatti migliori?

Se hai cercato “dieta a zona ricette” su internet, ti chiederai se esistono dei veri e propri piatti prediletti dal nuovo regime alimentare.

La risposta è ambigua, anche perché non esiste una vera e propria ricetta in grado di essere valida per tutti. Ricordiamo che le percentuali 40-30-30 sono comunque gestiste in base alle calorie da spendere e un uomo avrà sicuramente il metabolismo basale rispetto a quello di una donna.

Non ci sono delle vere e proprie ricette, ma dei piatti che possono essere considerati dei capisaldi della dieta a zona.

Ad esempio rucola, pachino e prosciutto crudo, accompagnato da un bel panino integrale di circa 60 grammi: questa potrebbe essere una ricetta valida per tutti, sempre rispettando le proporzioni.

Oppure la classica pasta fredda, con pomodori pachino, rucola e mozzarella. In ogni caso ogni pasto deve essere bilanciato in base alle percentuali e in base al proprio metabolismo, in modo tale da evitare una denutrizione.

Dieta a zona menu settimanale: Ecco un esempio pratico

Oltre la ripartizione calorica ad ogni pasto, sarebbe corretto fare una ripartizione delle calorie totali: ad esempio la colazione dovrebbe contenere il 25% delle calore, mentre i due spuntini il 10%.

Il pranzo deve invece essere al 30%, mentre la cena al 25%. Se cerchi un esempio di dieta a zona menu settimanale, lo schema da seguire è il seguente: un frutto, uno yogurt ed in alcuni casi i biscotti.

Il primo spuntino prevede un piccolo panino, oppure un frutto.

A pranzo devi scegliere in base all’attività, quindi puoi alternare pasta e riso oppure pesce.

A cena è importante la carne, ma non troppa: le proteine vanno assunte sempre in base al 30%.

Lo spuntino si ripeterà come il giorno: l’importante è calcolare bene la dieta a zona anche in base all’attività che si andrà a fare durante il giorno.

Per ogni consiglio è bene però affidarsi ad un nutrizionista, che saprà consigliarti al meglio cosa fare e cosa mangiare con la dieta a zona.

Se sei interessato ad altre diete dimagranti dai un occhiata alla sezione dedicata.

Dieta a Zona – Ricette e Menu Settimanale ultima modifica: 2017-07-12T13:39:35+00:00 da Wildest85

NO COMMENTS

GIVE A REPLY

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi